Per contribuire a WIKIUFO è necessario registrarsi ed accedere al sistema. Tutti i contributi verranno verificati e, se non in linea con la filosofia di WIKIUFO, rimossi.

Discussione:UFO Nazisti la nascita del mito

Da WikiUFO.

1956: Schauberger scrive a Strauss ministero della difesa tedesco su prova con modello

EPP

1975: Zundel

Da notare che il 26/12/1998 Zundel stesso ammise che la faccenda degli UFO nazisti, oltre a fargli guadagnare soldi, gli era stata utile per distribuire ad una sostanziosa parte del mondo il suo materiale revisionista per negare l'olocausto ebraico.

MAU: per quanto ne so io la comparsa in scena di Zuendel (o lo scrive con la u con la dieresi con l'umlaut in forma sciolta!) è del '74 con:

Mattern, Willibald, UFOs: Unbekanntes Flugobjekt? Letzte Geheimwaffe des Dritten Reiches, Toronto, Canada, Samisdat Publishers, 1974, p. 160


landed in Santiago, Chile to meet up with my co-author of my first German UFO book, titled "Unbekanntes Flugobject? Letzte Geheimwaffe des Dritten Reiches." The man's last name was Mattern.

( testimoni dal futuro: ricordi a posteriori di chi ha visto dischi nazi. Inserire una SINTESI iniziale)


Bill Rose UFO sightings – Why you can blame Adolf Hitler  Focus Ottobre 1988 :

After, apparently, four years of research, he concluded that: “The father of the German disc programme was Rudolph Schriever, a Luftwaffe aeronautical engineer assigned to Heinkel in 1940... a full-sized piloted version, the V2, first flew in 1943 with Schriever at the controls. Thirty feet [9m] in diameter, the V2 had a fixed central cabin around which a ring with adjustable vanes rotated to provide thrust in both the horizontal and vertical planes... Early in 1944, Schriever’s top-secret programme was moved to Czechoslovakia... Schriever was joined by a number of leading aeronautical engineers... Another addition was the Austrian scientist Viktor Schauberger, who just before his death in 1958, claimed to have worked on a highly classified US disc programme in Texas.”


Frost nello sviluppare il progetto Y dichiara che sia stato Miethe (passato negli Stati Uniti) a dargli schizzi ed idee per lo sviluppo del velivolo discoidale. History Channel "The real UFOs" 2005


Più recentemente, altri tecnici hanno vuotato il sacco: il settantaseienne Heinrich Fleischner di Dasing (all’epoca dell’intervista, nella Germania Federale), ha dichiarato alla Neue Presse, il 2 maggio 1980 di essere stato “un consulente tecnico per un velivolo dalla propulsione simile ad un jet ed a forma di disco, che era stato costruito da una squadra di tecnici a Peenemunde, benché le parti fossero state sviluppate in molti altri posti” (per forza, così nessuno, tranne i vertici, poteva avere la visione completa del progetto finale). Secondo Fleischner, Hermann Goering in persona aveva spinto per la messa a punto del jet, che “progettava di usare come velivolo personale”!!!. “A guerra finita, la Wehrmacht ha distrutto la maggior parte dei progetti ed alcune delle documentazioni iconografiche di scarsa importanza sono finite nelle mani dei russi”, ha dichiarato Fleischner.


Un altro tecnico, Hermann Klaas di Muhlheim, anch’egli della Repubblica Federale, ha dichiarato di avere lavorato come specialista di volo aerodinamico su “vari modelli telecomandati a forma di disco volante”. “Il modello più comune aveva un diametro di 2 m ed era azionato da un motore elettrico fornitoci dalla Luftwaffe. Questi modelli erano molto simili a quelli costruiti da Schriever, Habermohl, Miethe e Belluzzo a Bohmen in Cecoslovacchia ed a Breslau in Polonia”, ha dichiarato Klaas

Klass era l'informatore di Michael X Barton, che produsse un opuscolo nei primi anni sessanta  ...


MAU: so che sono soltanto appunti. Klaas però appartiene ad una fase più antica di Fleischner. Per quanto ne so io compare nel 1966.


Michael X (1960) We Want you: is Hitler Alive?. Clarksburg: Saucerian Books

breve capitolo dedicato a Schauberger ed i suoi dischi, nel contesto di fuga di Hitler ed armi avanzate


Michael X. Barton (1968). The German Saucer Story.  Los Angeles: Futura Press

Ampio spazio a Klaas con un sacco di disegni che saranno poi usati negli anni successivi


GS: Klaas, non Klass.

Strumenti personali